Cos'è, come funziona e a cosa serve il 5G


Giovedì 5 dicembre 2019 ore 21:00

Biblioteca delle Oblate, via dell'Oriuolo 24, Firenze



con: 

Prof. Angelo Freni e Dr. Simone Morosi
Dipartimento di Ingegneria dell'Informazione (DINFO)
Università degli Studi di Firenze


Modera:

Francesco Grasso  Università degli Studi di Firenze e Associazione Caffè-Scienza








Con il passaggio al 5G si avrà una 
vera e propria rivoluzione per le connessioni in mobilitàI test della nuova rete mobile che sono in corso di svolgimento in varie città italiane, tra cui Prato, consentono di pensare ad un possibile debutto su larga scala già a partire dalla fine del 2020. Rispetto al 4G, il nuovo standard rappresenta un vero e proprio upgrade: dalla velocità di connessione, che dovrà essere di almeno 20 Gbps in download (quindi circa 2,5 GB per secondo) e 10 Gbps in upload, alla densità di connessione, che dovrà garantire l'accesso ad un numero di dispositivi decisamente superiore aprendo le porte all’Internet of Things non solo a smartphone, tablet o smartwatch, ma anche ad auto, elettrodomestici e dispositivi come lampioni e centraline sparsi in tutte le città. E tutto questo riuscendo comunque a ridurre drasticamente il consumo energetico sia quando sono sotto un forte carico che quando il numero di utenti connessi sarà limitato. Per comprendere come tutto questo sia possibile, nel rispetto di tutti i requisiti di sicurezza sia per le persone che per le cose, ne parleremo con due esperti nel campo del 5G: Angelo Freni e Simone Morosi del Dipartimento di Ingegneria dell'Informazione dell'Università di Firenze 





Ċ
CF191205.pdf
(1638k)
Giovanna Pacini,
20 nov 2019, 07:57
Comments