Progetto-Sunrise: come ti connetto gli oceani




Giovedì 3 dicembre 2015 Caffèrenza SMS Rifredi ore 21:00

con:
Prof.ssa Chiara Petrioli, Dipartimento di Informatica - Università La Sapienza di Roma, Coordinatore progetto Fp7 SUNRISE

modera:
Marco Merol
a, giornalista e divulgatore scientifico - Communication Manager progetto Fp7 SUNRISE



Il futuro di Internet? Sott'acqua. Grazie ad un progetto internazionale chiamato SUNRISE presto il mare, i laghi e i fiumi diventeranno immense autostrade digitali sulle quali si muoveranno ed opereranno sensori, robot, droni e veicoli autonomi di ultima generazione in grado di svolgere compiti pericolosi o troppo estremi per l'uomo, dal monitoraggio ambientale (vulcani sottomarini, faglie nella crosta terrestre, individuazione di siti adatti all'acquacoltura) allo sminamento, dalla salvaguardia di siti archeologici alla ricerca di giacimenti di idrocarburi, fino alla localizzazione di carico o persone disperse. Si pensi al drammatico caso della Costa Concordia.

SUNRISE è un progetto inserito nel VII programma quadro della UE ed ha un capofila italiano, l'Università La Sapienza di Roma, che sta sviluppando in questi mesi tutta la parte software. Quella, cioè, che consentirà il 'dialogo' tra i vari dispositivi tecnologici che dovranno poi essere in grado di gestirsi da soli, fronteggiare le emergenze e 'riferire' alle control room dei vari paesi collegati quel che sta accadendo sott'acqua. Senza dimenticare le applicazioni di cybersecurity (ad esempio per l'encryption dei dati) che sotto il mare non sono certo meno importanti che sulla terra.

Tutto questo è l'Internet of Things, l'Internet delle cose, declinato nell'Internet of Underwater Things.






Pagine secondarie (1): Discussione
ą
Giovanna Pacini,
14 ott 2015, 01:37
Ċ
Giovanna Pacini,
14 ott 2015, 01:37
Comments