Il gioco d'azzardo: una nuova droga



8/04/2014 Caffè-scienza Teatro Magnolfi Prato ore 21:00


Dr. Massimo Cecchi, Gioco d’Azzardo Patologico, SERT, ASL di Firenze.

Un rappresentante (anonimo) dell'Associazione Giocatori Anonimi


Moderatore: Lorenzo Ulivi,  CNR, Firenze


Tutti abbiamo almeno una volta provato attrazione per il gioco d'azzardo nelle sue diverse forme: gratta e vinci, slot machine, scommesse sportive, casinò, ecc.. La possibilità di vincere denaro o premi, non necessariamente di grande valore, provoca in molti di noi eccitazione e una sorta di piacere. Per alcuni, con il passare del tempo, questa eccitazione diventa irrinunciabile, ed il gioco d'azzardo diventa una sorta di droga: quello che si chiama gioco d'azzardo patologico. Ma quali sono i meccanismi psicologici che spingono verso questa dipendenza? E si può veramente parlare di dipendenza, di una droga? Che cosa si può fare per arginare questo fenomeno, che sta diventando importante da un punto di vista sociale,  e quali sono i trattamenti sanitari per coloro che soffrono di questa vera e propria malattia?






Ċ
Franco Bagnoli,
03 apr 2014, 01:53
Ċ
Franco Bagnoli,
03 apr 2014, 02:18
Comments