Elementi chimici: una storia tra evidenza, fede e malafede


29/3/12  Cafferenza Biblioteca delle Oblate Via dell'Oriuolo n° 26 ore 21:00





Ospite

Marco Fontani, Dipartimento di chimica Ugo Schiff, Università di Firenze

Moderatore

Giovanni La Penna, Istituto di chimica dei composti organo-metallici CNR Firenze

Sommario

La nostra non è un'epoca di fede, ma neppure d'incredulità. E' un'epoca di malafede, cioè di credenze mantenute a forza, in opposizione ad altre e, soprattutto, in mancanza di altre genuine... Se la tavola periodica racchiude al suo interno circa 120 elementi di cui 112 con nome definitivo - dall'idrogeno (Z = 1) al copernicio (Z = 112) - dalla sua "creazione" non è stata sempre così; non ha dato accoglienza,
alloggio ad elementi che oggi conosciamo. Molti sono stati i corpi che vi hanno fatto parte "da sempre" come ad esempio il ferro, l'oro, l'argento e molti altri ancora. Per altri invece non è andata allo stesso modo: sono stati inseriti nella tavola periodica come "inquilini abusivi", con sotterfugi o con la forza, quando ancora la certezza della loro scoperta era ben lontana, ma il desiderio di immortalare l'evento così grande da indurre molti uomini ad un pericoloso azzardo.
Sono molte le false scoperte disseminate in oltre tre secoli ma, data la non facile reperibilità del materiale e la cura con la quale i presunti scopritori hanno cancellato le tracce dei loro passi falsi, ricostruire queste storie potrà somigliare ad un giallo: una dettagliata raccolta di indizi nel tentativo di ricostruire fedelmente "la scena del crimine".



Chemical elements: a story of evidence, good and bad faith

Ours is not an age of faith, but neither of disbelief. It is an era of bad faith, i.e. of beliefs held by force, one opposed to others and, above all, in the absence of genuine ones... The periodic table contains about 120 elements, of which 112 with definitive name from hydrogen (Z = 1) to the Copernican (Z = 112). It was not so since its creation. It did not welcome housing to elementa that we know today. Many were the bodies that have been "forever" part of it, such as iron, gold, silver and many more. For others, it did not go the same way. They were included in the periodic table as "illegal tenants" with deceit or by force, even when the certainty of their discovery was largely far, but the desire of capturing the event was so great to lead many researchers to a dangerous gamble. There are many false discoveries scattered over three centuries, but, given the not easy availability of material and the care with which the alleged discoverers have erased the traces of their missteps, the reconstruction of these stories may resemble a detective story. A collection of detailed clues in an attempt to faithfully reconstruct "the scene of the crime."

Ċ
Franco Bagnoli,
25 mar 2012, 13:50
Comments