La luce nascosta delle piante: un piccolo viaggio guidato fra fotoni e cellule vegetali



Giovedì 3 dicembre  2020 ore 21:00

Caffè-Scienza online 

con:
Francesco Miglietta, Istituto per la BioEconomia, Consiglio Nazionale delle Ricerche 

Moderano: 

Francesca Camilli, Istituto per la BioEconomia, Consiglio Nazionale delle Ricerche e Caffescienza

Gianna Reginato Istituto di Chimica dei Composti OrganoMetallici, Consiglio Nazionale delle Ricerche e Caffescienza


Tutti sanno che le piante hanno bisogno di luce per poter crescere e moltiplicarsi. Molti meno sanno che le piante convertono la luce in energia chimica. Ma solo una sparuta minoranza di persone sa che le piante “emettono” piccole quantità di luce perlopiù a lunghezze d’onda che I nostri occhi non riescono a vedere. E che questa luce emessa ci può guidare verso una migliore conoscenza e gestione del funzionamento e dello “stato di salute” delle piante stesse. Franco Miglietta ci accompagnerà alla scoperta di questa luce nascosta. Saranno create le condizioni necessarie per vedere queste emissioni di luce usando sorgenti luminose a determinate frequenze e una serie di filtri ottici e di videocamere digitali per osservare alcune sorprendenti reazioni delle piante.

Si potrà percepire l’incredibile plasticità con cui le piante gestiscono la luce e quindi l’energia solare a cui esse sono normalmente esposte. Dopo aver ascoltato alcuni principi fondamentali di facile comprensione e dopo aver osservato i principali effetti, si potrà sperimentare direttamente con il materiale vegetale sviluppando diversi approcci per trasformare alcune caratteristiche delle piante in semplici forme espressive, come ad esempio segni o disegni da realizzare o anche brevi video “artistici” da realizzare con i propri smartphones. La sorpresa potrà generare curiosità e in alcuni persino il desiderio di andare oltre la dimensione ludica e riflettere sulle funzioni vitali degli organismi vegetali allargando così la propria percezione della natura.

 




Ċ
CS201203.pdf
(2420k)
Giovanna Pacini,
22 ott 2020, 01:59
Comments